lunedì 31 ottobre 2011

Un pensiero per chi non c'è più

Dalle nostre parti (per chi mi legge da oltreoceano) Halloween con i suoi colori e tradizioni è arrivata solo negli ultimi anni. 
Ricordo che quando ero piccola non esisteva. Si celebravano Ognissanti e la Commemorazione dei Defunti, si andava al cimitero a portare i fiori e le candele. In panetteria, e solo in quel periodo, si trovavano i Dolci dei morti.
Era la prima vacanza da scuola, dopo quella estiva, e precedeva quella di Natale e fine anno.
Ora questa festa importata si affianca alla tradizione religiosa, apparentemente senza infastidirsi a vicenda, salvo forse per chi ha da poco perso qualcuno di caro, che voglia di divertirsi a Halloween proprio non ne avrà.

 Le prime immagini sono di circa 15 anni fa, scansionate da stampe da pellicola.

Londra, Highgate Cemetery 






Ticino, S.Bernardo - Monte Carasso




16 commenti:

  1. Questo post mi piace, è più in linea con le mie tradizioni!!!
    La tua commemorazione dei morti è molto delicata ma d'effetto!!!
    Mi ha colpito la tomba con la scultura del cane....
    Un pensiero a tutti quelli che non ci sono più!!!

    RispondiElimina
  2. Il dolore per la perdita di un caro è qualcosa che ciascuno si porta dentro ed elabora a modo proprio...festeggio Halloween con i miei ragazzi, ma i miei cari che non ci sono più sono sempre nei miei pensieri e non solo quando c'è da portare un fiore al cimitero...i cimiteri restano, comunque dei posti molto belli in cui passeggiare e riflettere.
    Belle le foto!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. Ciao Dany, concordo molto con quello che ha scritto Laura. Halloween ha iniziato ad affermarsi quando io ero tra le medie e il liceo e sinceramente l'ho sempre capito poco, forse perchè non è una nostra tradizione e qui si è affermato soprattutto il lato commerciale, mentre quello ideologico si è perso per strada... detto ciò, quindi apprezzo molto quello che hai scritto e le foto che ci hai mostrato! Bella anche la musica di sottofondo :-)) Buon "ponte", a presto!

    RispondiElimina
  4. Ricordo anch'io i pellegrinaggi ai cimiteri,i dolci dei morti,il freddo di quei giorni;
    Halloween, non mi disturba,per certi versi mi piace anche,rimango poi dell'idea che ogni uno metabolizza le proprie situazioni ed aspettative.....
    Io,ogni giorno,da oltre otto anni, faccio visita al mio bambino,che rimane a meno di un kilometro da casa, ora,in questi giorni sarà difficile per me farlo,ma,affacciandomi alla finestra...............
    Belle le immagini,bel post,buona continuazione,ciao

    RispondiElimina
  5. Condivido i tuoi ricordi. Anche ai miei tempi Halloween non c'era, forse inizierò a festeggiare quando cresceranno i miei bimbi.

    RispondiElimina
  6. Halloween è una festa importata, per noi un anticipo del Carnevale. Non la sentiamo nè viviamo neppure come andrebbe dal momento che gli anglosassoni non la consideravano sicuramente come si considera adesso. Io non sono quella che porta fiori al cimitero, non vado in Chiesa mai, nemmeno il 24 dicembre come la stragrande maggioranza della gente, ma "parlo" con mia nonna (mancata due anni fa) tutti i giorni.
    Bellissimo post Dany che si distacca da tutti gli altri, brava.

    RispondiElimina
  7. bellissimo post e bellissime parole!
    un post un po' diverso ci vuole ogni tanto!! :)

    My photoblog: www.photographyforpassion.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. @ tutti quanti: grazie di cuore per i vostri commenti, mi ha fatto davvero piacere vedere che quello che volevo dire è arrivato senza tante parole.

    @ Laura, la tomba con il cane, era stata realizzata dai suoi amici, con l'immagine del suo adorato cane. Thomas Sayers era un pugile famoso.

    @ Loredana, lo ammetto pure a me piace visitare i cimiteri, un posto come Highgate è magico. ma in quelli dove sono sepolti i miei cari diventa più difficile e triste.

    @ Silvia: hai ragione qui di halloween resta più il lato commerciale - per me più che altro le zucche ;-)

    @ MrFantasy: anche se non possiamo andare al cimitero, il nostro pensiero è con loro e loro lo sanno :-)

    @ Alessandra: Sicuro ti trascineranno ed è anche giusto che si divertano, giunto il momento :-)

    @ Tinny: pure a me Halloween fa pensare al carnevale.. Con i miei cari che non ci sono più, ci parlo con il pensiero.

    @ Barbara: si, questa volta volevo fare qualcosa di differente.

    RispondiElimina
  9. M'agraden aquestes imatges , sobre tot la 5ª .
    Salutacions des de Catalunya.
    Anna

    RispondiElimina
  10. io diciamo che festeggio halloween solo per il gusto di festeggiare..invito a casa amici per mangiare insieme e vedere film horror e thriller. ma non è che la sento proprio come festa.. ho perso mia mamma a 18 anni e il papà quando ne avevo 27 (dopo una malattia..) ora ho 37 anni. Non riesco ad andare al cimitero perchè mi fa stare male!Penso che abbiano bisogno di pensieri di gioia, luce e amore non di pensieri tristi. Non è sempre facile perchè a volte vorrei proprio che fossero qui ma ci si prova! Ti mando un forte abbraccio

    RispondiElimina
  11. @ Anna Mora: Hola y muchas gracias, salutacions des de Suiza :-)

    @ Sednablu: ti capisco benissimo visto che pure io ho perso entrambi i genitori. la mamma saranno 9 anni questo mese, il papà sono 2 anni e mezzo. Ho avuto un pò più di fortuna di te, nel senso che li ho avuti per qualche annetto in più (ne ho 43). Un abbraccio forte pure a te

    RispondiElimina
  12. Love ci capiamo benissimo allora..! bacioni

    RispondiElimina
  13. My dear friend
    Thank you for your good words and I wish to go quickly to the Garda.
    I was very touched by the photographs of the cemeteries.
    It's a great day to contact us with our beloved dead!
    I hope to be always well and Happy Halloween!
    Your music is lovely!
    Many greetings and kisses

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...